Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su "OK", chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
OK
FIABE


Raperonzolo
ManualiPc

C'erano una volta un uomo e una donna che aspettavano la nascita imminente del loro tanto desiderato figlio.
La finestra più alta della loro abitazione si affacciava su uno splendido giardino, ma nessuno avrebbe mai osato entrarvi, perché apparteneva a una strega temuta da tutti.
Un giorno affacciandosi alla finestra la donna scorse nel giardino un'aiuola dov'erano coltivati dei raperonzoli.
Le venne subito una gran voglia di mangiarli, ma consapevole dell'impossibilità di soddisfare questo suo desiderio iniziò a deperire di giorno in giorno.
Il marito spaventato dalle condizioni della moglie decise di entrare nel giardino e rubare dei raperonzoli.
La moglie mangiò avidamente i raperonzoli che il marito le aveva procurato, ma invece di diminuire la sua voglia crebbe ancora di più.
Così il giorno seguente il marito dovette rientrare nel giardino per cercare di prenderne degli altri. Ad aspettarlo però trovò la strega infuriata.
L'uomo disperato invocò la sua clemenza e le spiegò la delicata situazione della moglie.
La strega allora si quietò e gli disse che avrebbe potuto cogliere tutti i raperonzoli che desiderava, ma in cambio lui le avrebbe consegnato il bambino quando fosse nato.
L'uomo spaventato acconsentì, così quando la moglie partorì, la strega si presentò nella loro abitazione e portò via la bambina con se.
Raperonzolo, così la strega chiamò la bambina, crebbe diventando una splendida fanciulla.
Quando compì dodici anni la strega la rinchiuse in un'alta torre che non aveva ne scale ne porta, solo una finestrella in cima ad essa.
Quando la strega voleva entrare gridava: "Raperonzolo, Rapina, butta giù la tua treccina".
Raperonzolo che aveva lunghissimi capelli dorati, scioglieva allora la sua treccia e la calava dalla torre perché la strega potesse arrampicarvicisi.
Raperonzolo crebbe all'interno della torre, i suoi soli compagni erano la strega e qualche volatile che di tanto in tanto veniva a posarsi sulla sua finestra.
La dolce fanciulla non aveva altri passatempi che cantare, e la sua voce era limpida e soave.
Un giorno il figlio del re si trovò a cavalcare nel bosco dove sorgeva la torre di Raperonzolo.
Ad un tratto fu catturato da una dolce melodia, così incredibilmente cristallina e delicata che subito incantato decise di scoprire a chi appartenesse quella meravigliosa voce.
Giunto nei pressi della torre il principe scorse la vecchia strega che gridava: "Raperonzolo, Rapina, butta giù la tua treccina".
Vide che dalla torre subito appariva una treccia dorata e la strega la usava per salire fino alla cima.
- Se questa è la scala per cui si sale, tenterò anch'io la mia fortuna - pensò il principe.
Il giorno seguente, sull'imbrunire, il principe tornò alla torre e gridò: "Raperonzolo, Rapina, butta giù la tua treccina".
Subito dall'alto giunse la treccia, e il principe si arrampicò.
Dapprima Raperonzolo ebbe una gran paura quand'egli entrò, perché i suoi occhi non avevano mai visto un uomo prima.
Ma il principe cominciò a parlarle con grande dolcezza e le narrò che il suo cuore era stato così turbato dal canto di lei da non lasciargli più pace.
Le chiese allora di sposarlo e Raperonzolo vedendolo così bello, giovane e innamorato, acconsentì.
Gli disse allora di tornare tutte le sere e di portarle dei filamenti di seta, che lei avrebbe intrecciato per formare una corda che le avrebbe permesso di scendere dalla torre.
La strega, che andava a trovare Raperonzolo tutti i pomeriggi, non si accorse di nulla.
Finché un giorno Raperonzolo sovrappensiero le disse: "Chissà perché voi signora siete tanto più pesante da tirar su del principe? Lui è anche molto più veloce a salire".
La strega andò su tutte le furie per essere stata ingannata, afferrò delle forbici affilate e in un attimo tagliò la lunga treccia di Raperonzolo.
Poi la portò in un lontano deserto e lì la abbandonò in miseria.
Tornata alla torre la strega assicurò la treccia al cardine della finestra, poi attese l'arrivo del principe.
Quando questi giunse, la strega gli calò la treccia. Il principe salì tosto, ma invece della sua diletta vi trovò la strega.
"Ah!" esclamò lei beffarda, "sei venuto a prendere la tua bella! Ma il bell'uccellino non è più nel nido e non canta più; il gatto l'ha preso e a te caverà gli occhi".
Così dicendo spinse il principe giù dalla torre che rovinò tra un cespuglio di rovi le cui spine gli trafissero gli occhi rendendolo cieco.
Il principe errò cieco e infelice per ogni dove lamentandosi e gemendo per la perdita della sua diletta.
Finché un giorno che vagava per un deserto non udì in lontananza la soave voce di Raperonzolo che cantava una dolce melodia.
Si lasciò guidare dal dolce suono della voce di lei. Quando la raggiunse, Raperonzolo nel riconoscere il suo amato corse ad abbracciarlo e pianse lacrime di gioia.
Due di quelle lacrime caddero negli occhi del principe che ne furono sanati, ed egli poté vedere di nuovo come prima.
Il principe condusse Raperonzolo nel suo regno, dove fu riaccolto con gioia dopo la lunga assenza. Si sposarono e da quel giorno vissero per sempre felici e contenti.


CREA LA TUA FIABA
PREFERITE RACCONTASTORIE
1) Il Principe Amato - Charles Perrault
2) L'Uccello turchino - Charles Perrault
3) L'abete - Hans Christian Andersen
4) La margheritina - Hans Christian Andersen
5) L'intrepido soldato di stagno - Hans Christian Andersen
6) Nei mari estremi - Hans Christian Andersen
7) La vecchia casa - Hans Christian Andersen
8) Il gorgo della campana - Hans Christian Andersen
9) Storia di uno, Giovannin Senzapaura, che partì di casa per imparare cos'è la pelle d'oca - I Fratelli Grimm
10) Il ragazzaccio - Hans Christian Andersen
PIU' LETTE RACCONTASTORIE
1) Cappuccetto Rosso - Charles Perrault
2) Cenerentola - I Fratelli Grimm
3) La Sirenetta - Hans Christian Andersen
4) Hansel e Grethel - I Fratelli Grimm
5) Biancaneve e i sette nani - I Fratelli Grimm
6) Cappuccetto Rosso - I Fratelli Grimm
7) Barba-blu - Charles Perrault
8) I tre porcellini - I Fratelli Grimm
9) C'è differenza - Hans Christian Andersen
10) Cenerentola - Charles Perrault